Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Dopo la prova

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film VOTA Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Dopo la prova
titolo originale Efter Repetitiones
nazione Germania / Svezia
anno 1983
regia Ingmar Bergman
genere Drammatico
durata 73 min.
cast B. Guve (Henrik bambino) • E. Josephson (Henrik) • I. Thulin (Rakel) • L. Olin (Anna)
sceneggiatura I. Bergman
fotografia S. Nykvist
montaggio I. Bergman
media voti redazione
Dopo la prova Trama del film
Terminata la prova di un allestimento del "Sogno" di Strindberg, durante un colloquio fra il regista Henrik Vogler e un'attrice della sua compagnia, la giovane Anna, la dimensione del reale si stempera nelle visioni e nei ricordi. Anna è a sua volta figlia di un'attrice, Rakel, morta tempo addietro distrutta dal demone dell'alcol. Ma ora il fantasma della donna è tornato a far visita a Anna e Henrik, e dai dialoghi fra i tre personaggi emerge, poco a poco, un complesso intrico di passioni e di pulsioni incrociate.

Recensione “Dopo la prova”

a cura di Riccardo Rizzo  (voto: 7)
Il cinema che incontra il teatro e ne rende omaggio. In un continuo rimando tra finzione e realtà, tra teatro e vita. La storia, o meglio le relazioni, fra tre personaggi che si parlano e si raccontano, passando tra paure adolescenziali e riflessioni sulla vecchiaia, ricordi del passato e sentimenti del presente, desideri mai consumati e drammi già vissuti. Le vite di tre personaggi che sono attori del proprio stesso copione, ed una sensazione di inevitabile simbiosi, tra un destino “scritto” ed una “messa in scena” apparentemente libera da regole di recitazione. Il flashback si intreccia con prospettive future , solo raccontate, per mezzo di dialoghi che come onde vanno avanti per poi sempre ricadere su se stesse, perdendosi nel loro stesso essere; un riflusso tra quello che era, potrebbe essere ed infine è, lascia nello spettatore un senso particolare di spaesamento. Questo denso e breve film, è un viaggio tormentato nella psicologia dei protagonisti, che con elegante cortesia si scambiano parole di odio, amore, saggezza, commozione e sentimento. Ottime le interpretazioni, con la piacevole sorpresa dell’esordiente Lena Olin.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Il film non è stato ancora commentato.
Ultime Schede
Dopo la prova
Fanny e Alexander
Un mondo di marionette
Sussurri e grida
Il rito
Persona
Il silenzio
Luci d'inverno
Come in uno specchio
La fontana della vergine
Il volto
Il posto delle fragole
Il Settimo Sigillo
Monica e il desiderio
Un'estate d'amore
Verso la gioia
Ingmar Bergman
E' morto a 89 anni il grande regista svedese
Ingmar Bergman
Leggi l'intervista a Ingmar Bergman per “I suoi film
Ingmar Bergman (eBook)  di A. Costa
Ingmar Bergman  di J. Mandelbaum
Ingmar Bergman. Fanny e Alexander  di L. Albano
Il libro che affiora. Suggestioni dal cinema di Ingmar Bergman  di A. Corsani
Ingmar Bergman. Il posto delle fragole  di A. Scandola
Ingmar Bergman. Il settimo sigillo  di F. Marini
Il quinto atto  di I. Bergman
Conversazione con Ingmar Bergman  di O. Assayas
Con le migliori intenzioni  di I. Bergman
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©