Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Il grande capo

Leggi i commenti 5 COMMENTI Vota il film 20 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Il grande capo
titolo originale Direktøren for det hele
nazione /
anno 2006
regia Lars von Trier
genere Commedia
durata 99 min.
cast F. Fridriksson (Finnur) • J. Albinus (Kristoffer) • J. Barr (Spencer) • P. Gantzler (Ravn) • I. Hjejle (Lise) • L. Mieritz (Mette) • M. Lyhne (Heidi A.) • B. Erlingsson (Interprete)
sceneggiatura L. von Trier
montaggio M. Stensgard
uscita nelle sale 5 Gennaio 2007
media voti redazione
Il grande capo Trama del film
Il proprietario di una società di informatica mette in vendita l'azienda e per coprire una serie di scelte impopolari decide di inventarsi la figura di un grande capo, un finto Presidente che nessuno ha mai visto. Tuttavia, quando i possibili acquirenti della società cominciano ad insistere per incontrare faccia a faccia il 'Boss', l'uomo assume un attore fallito per interpretare il ruolo del Presidente...

Recensione “Il grande capo”

a cura di Giordano Rampazzi  (voto: 6,5)
In attesa di vedere completata la trilogia sull’America (“Dogville”, “Manderlay” e l’ultimo capitolo “Washington”), Lars von Trier sceglie la via della commedia. La cosa, per chi conosce la severa filmografia del regista danese, risulta piuttosto spiazzante. Per sua stessa ammissione, però, “ogni buona commedia non è mai innocua” e “Il grande capo” non può di certo sfuggire a questa fondamentale regola cinematografica...
Finita l’era del Dogma95 e tanto per complicarsi/complicarci un po’ le cose, per questo film von Trier ha deciso di utilizzare una nuova tecnica di ripresa cinematografica: l’Automavision. Non spaventatevi, dunque, se vi troverete di fronte a “fotografie” tecnicamente poco giustificabili, è tutta colpa di un computer che gestisce casualmente le inquadrature. O meglio, è tutta colpa del sadico regista, che però ama farsi sentire e scandisce ritmicamente una sceneggiatura non sempre coinvolgente e scorrevole, ma certamente tagliente e intelligente.
Tutto inizia in un modo fortemente inconsueto: Lars von Trier è riflesso nei vetri del palazzo nel quale si svolgerà tutta la vicenda che ci apprestiamo a vedere. Una voce fuori campo ce lo fa notare, ci spiega i meccanismi della commedia (giochi di “specchi”?) e ci invita a non “riflettere” eccessivamente, godendoci più che altro lo spettacolo. La sua totale irriverenza nei confronti dello spettatore e del cinema precostituito è, in realtà, un modo di esorcizzare la stessa arte cinematografica. Perversione e malvagità sono, dunque, due strumenti in mano a un regista che questa volta ha fatto finta di nascondersi ma, in verità, attende solamente una nostra (logica) reazione.
Si procede così, lungo un cammino volontariamente prevedibile nella sua struttura ma imprevedibile nei suoi sviluppi più significativi. All’origine di tutto c’è l’incapacità di Ravn di prendersi le proprie responsabilità di capo d’azienda di fronte ai suoi dipendenti. Egli decide, dunque, di “creare” un fittizio e invisibile grande capo, sul quale riversare ogni tipo di malumore aziendale. L’entrata in scena di un discutibile attore, assoldato per interpretare il capo in una trattativa di vendita, scatena però una serie di meccanismi surreali che ci accompagnano fino al pregevolissimo (un)happy-end.
La riflessione più ovvia e giusta è certamente sui ruoli/personaggi, lavorativi e non, di cui tutti noi siamo schiavi e sull’incredibile velocità con la quale si cambia per approfittare di una situazione egoisticamente vantaggiosa. Ma sono apprezzabili anche le sarcastiche prese in giro del “gioco della recitazione” (e del metodo Stanislavskij), dell'incomprensibile e intangibile mondo informatico e del rapporto (a quanto pare) particolarmente aspro tra danesi e islandesi.
L’impressione generale, ad ogni modo, è che l’arrivo dei 50 anni abbia proiettato il regista danese in una nuova fase lavorativa e personale, apparentemente ancora in via di definizione. All'interno del film viene asserito che “l’idea è Dio, anche se fosse Hitler lo scrittore”. Quello che von Trier si dimentica di aggiungere, però, è che non tutte le idee sono allo stesso livello. E “Il grande capo” è un film godibile, ma certamente non è “Dogville”.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Marcolino93 Mercoledì 3 Giugno 2015 ore 14:13
voto al film:   7

Utente di Base (11 Commenti, 70% gradimento) silvia-v Domenica 3 Agosto 2014 ore 21:25
voto al film:   6,5

Utente di Base (30 Commenti, 60% gradimento) simonani Martedì 29 Luglio 2014 ore 19:19
voto al film:   7

Medaglia d'Argento (106 Commenti, 59% gradimento) cartillo Medaglia d'Argento Lunedì 5 Maggio 2014 ore 11:53
voto al film:   7,5

Medaglia di Bronzo (51 Commenti, 80% gradimento) barney Medaglia di Bronzo Giovedì 17 Aprile 2014 ore 01:15
voto al film:   7,5

Utente di Base (29 Commenti, 60% gradimento) Ombra Venerdì 6 Dicembre 2013 ore 13:53
voto al film:   7,5

Utente di Base (3 Commenti, 66% gradimento) Epo11 Venerdì 23 Agosto 2013 ore 22:33
voto al film:   7,5

Utente di Base (9 Commenti, 44% gradimento) Nenne Giovedì 15 Agosto 2013 ore 01:59
voto al film:   8

Medaglia d'Oro (274 Commenti, 64% gradimento) anzianzi Medaglia d'Oro Sabato 14 Luglio 2012 ore 19:10
voto al film:   8

Utente di Base (18 Commenti, 11% gradimento) zioJim Lunedì 26 Marzo 2012 ore 13:04
voto al film:   6,5

News sul film “Il grande capo”
Il grande capo Dieci film di Von Trier al MIC Dieci film di Von Trier al MIC  ( 2 Dicembre 2014)
Il grande capo A Roma il dietro le quinte del cinema A Roma il dietro le quinte del cinema  (26 Novembre 2007)
Il grande capo La ricerca della felicità sbanca il Box Office "La ricerca della felicità" sbanca il Box Office  (15 Gennaio 2007)
Il grande capo Il grande capo: Lars Von Trier torna a stupire "Il grande capo": Lars Von Trier torna a stupire  (11 Dicembre 2006)
Ultime Schede
Nymphomaniac - Volume 2
Nymphomaniac - Volume 1
Melancholia
Il grande capo
Manderlay
Dogville
Le cinque variazioni
Idioti
Le onde del destino
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Il grande capo
Dancer in the dark  di L. von Trier
Il cinema come Dogma. Conversazioni con Stig Bjorkman  di S. Bjorkman, L. von Trier
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©